Collezione

Lovis Corinth

nato a Tapiau (Prussia Orientale) il 21/7/1858
deceduto il 17/7/1925 a Zandvoort (Paesi Bassi)

I genitori conducono una conceria e si occupano di agricoltura; 1866 – 1873 frequentazione del ginnasio a Königsberg (oggi Kaliningrad), in quel periodo abita presso la sorella della madre; dopo la morte di quest’ultima (1873) rientra nella casa dei genitori. Poco dopo si accosta alla pittura e a partire del 1876 frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Königsberg, allievo di Otto Günther. Nel 1880 ulteriore formazione all’Accademia delle Belle Arti di Monaco, inizialmente da Franz Defregger, più tardi da Ludwig Löfftz.
Nel 1882/83 presta il servizio di leva, in seguito intraprende un viaggio di studio in Italia. Successiva formazione nel 1884 ad Anversa da Paul Eugène Gorge, a Parigi da Tony Robert-Fleury e Adolphe William Bouguereau dove esegue soprattutto nudi. Nel 1886 soggiorni sulle rive del Mar Baltico assieme a Hans Olde e dal 1897 a Berlino, dove entra in contatto con artisti quali Max Klinger, Walter Leistikow ed altri. Nel 1889 muore il padre; a fine del 1890 si trasloca a Monaco.
Nel 1892 membro della «Secessione di Monaco» (Münchener Secession), nel 1893 cofondatore (con Max Slevogt, Peter Behrens ed altri) della «Libera Associazione» che è estromessa dalla «Secessione»; contatti stretti con la scena letteraria di Monaco (con Max Halbe, Frank Wedekind, Eduard von Keyserling, Otto Erich Hartleben ed altri); cofondatore della loggia massonica «In Treue fest» («Semper fidelis»), alla quale rimane legata per tutta la vita. In seguito al mancato riconoscimento delle sue opere, decide nel 1901 il rientro a Berlino; in autunno fonda una scuola di pittura che ha successo; una delle sue prime allieve è la ventunenne Charlotte Berend, che prende in moglie il 26/3/1903, nel 1904 nasce il figlio Thomas, nel 1909 la figlia Wilhelmine. Nel 1902 è membro del consiglio direttivo della «Berliner Secession» («Secessione Berlinese») e partecipa regolarmente alle esposizioni annuali della «Secession», nel 1911 è eletto Presidente del consiglio.
Nel dicembre del 1911 è vittima di un ictus che gli comporta un’emiparesi. Nel 1918 esposizione della «Secession» in occasione del suo 60esimo compleanno. Nel 1919 si ritira nel proprio domicilio a Urfeld sul Lago Walchen (Walchensee), la casa «Haus Petermann», nella quale nasce la sua apprezzatissima opera tarda. Muore durante un viaggio di studio ad Amsterdam per una polmonite.
© Kulturstiftung Kurt und Barbara Alten


Fiori in due vasi | 1919 | olio su legno | 72 × 58 cm | FKBA 12