Collezione

Hermann Max Pechstein

nato a Zwickau il 31/12/1881
deceduto il 29/06/1955 a Berlino

Inizialmente formazione a Zwickau come pittore decoratore; durante l’apprendistato dal 1896 al 1900 frequenta la Scuola Professionale e Corporativa, dal 1900 studio alla Reale Scuola d’Artigianato. Dal 1903 allievo di Otto Gussmann alla Reale Accademia delle Arti figurative a Dresda, in aggiunta primi affreschi e pittura su vetro per alcuni architetti.
Dopo incontri con Ernst Ludwig Kirchner ed Erich Heckel a Berlino partecipa all’associazione di artisti «Brücke»; nel 1907 intraprende viaggi in Italia e a Parigi. Dal 1908 vive a Berlino, membro della «Berliner Secession», dopo l’abbandono di quest’ultima, cofondatore nel 1910 della «Neue Secession». Nel 1914 intraprende un viaggio nel Pacifico, le esperienze di questo viaggio si ripercuotono nelle opere degli anni successivi (dipinti a olio, litografie, acqueforti con motivi esotici); fa il soldato nella Grande Guerra. Nel 1918 è tra i cofondatori della «Novembergruppe» (gruppo di novembre), e del Consiglio dei Lavoratori a Berlino; dal 1923 membro dell’Accademia Prussiana delle Belle Arti, dove assume un professorato. Dopo la presa di potere dei nazionalsocialisti, perdita del magistero, attraverso il divieto a dipingere le sue possibilità di lavoro sono ulteriormente limitate, nel 1937 avviene l’espulsione dall’Accademia. Nel 1945 riabilitazione con la nomina a professore presso l’Accademia di Arti Figurative di Berlino. Max Pechstein muore il 29 giugno 1955 a Berlino.
© Kulturstiftung Kurt und Barbara Alten


Villaggio | 1909 | olio su tela | 54 × 63 cm | FKBA 34 | © Pechstein Hamburg/Toekendorf / 2014, ProLitteris, Zurich