Collezione

Christian Rohlfs

nato a Niendorf (Schleswig-Holstein) il 22/12/1849
deceduto l’8/1/1938 a Hagen (Renania Settentrionale-Vestfalia)

Discende da una famiglia di poveri contadini; nel 1863 la ferita a una gamba in seguito ad una caduta gli procura un ricovero ospedaliero di due anni. Il suo talento artistico viene scoperto e favorito dal suo medico curante.
Dal 1870 al 1884 studio della pittura storica, figurativa e del nudo alla Scuola D’Arte Granducale (in seguito Accademia) di Weimar. Inizia con paesaggi realistici, influenzato dall’impressionismo francese, trasformazione verso la pittura en plein air. Nel 1873 subisce l’amputazione della gamba destra.
Nel 1900 tramite Henry van de Velde trasloca a Hagen; il Museo Folkwang che lì si realizza, fa incontrare a Rohlfs le opere di van Gogh, Gauguin, Cézanne, Matisse e dei giovani espressionisti Nolde, Kirchner, Heckel, il che gli farà cambiare il suo stile pittorico.
Dal 1903 nascono prevalentemente acquerelli, dal 1908 anche stampe di arte grafica. Solo nel 1919 trova adeguato apprezzamento con una mostra nella Galleria Nazionale di Berlino in occasione del suo 70esimo compleanno. Nel suo ultimo periodo creativo lavora durante i mesi estivi ad Ascona (Ticino), in inverno a Hagen. Christian Rohlfs muore nel suo atelier di Hagen.
© Kulturstiftung Kurt und Barbara Alten


Ragazza timida | 1919 | tempera all’acqua su carta | 63.5 × 44.5 cm | FKBA 35